Mi sembra che a molti sia sfuggito una sottile ma strabiliante conseguenza della costruzione della prima cellula artificiale. "Ha fatto pezzetti, ciascuno di 10 mila lettere di codice, poi li ha assemblati insieme fino a creare un genoma di oltre un milione di paia di basi. Poi ha inserito il genoma artificiale in un batterio svuotato del suo Dna e ha costruito una nuova forma di vita che funziona e si riproduce" – riporta il Corriere. Cioè la cellulla è stata programmata da un essere intelligente. E la cellula è vita. Sorprendente attacco al materialismo: la vita si crea grazie a un essere intelligente. Da qualche parte in America parlano di un Designer.

Commenta