Al direttore – Molte nazioni prendono tempo prima di decidere se mandare soldati in Libano e soprattutto quanti. Per ora la Francia manderebbe un vigile urbano bilingue, la Germania una crocerossina volontaria cingalese, la Spagna sei apprendisti toreri dodicenni, l’Olanda un giovane esperto di cannoni e il Lussemburgo due cani da tartufo. L’Inghilterra non risponde al telefono.
Gianni Boncompagni

Commenta