Mi sorprende che D’Annunzio sia riuscito a scrivere una cosa del genere, mi ha sempre sorpreso. Letta in una qualche sorta di metrica dev’essere stupenda da ascoltare. Una della poche liriche italiane che sempre mi stupisce.

Taci. Su le soglie
del bosco non odo
parole che dici
umane; ma odo
parole più nuove
che parlano gocciole e foglie
lontane.
Ascolta. Piove
dalle nuvole sparse.
Piove su le tamerici
salmastre ed arse,
piove sui pini
scagliosi ed irti,
piove su i mirti
divini,
su le ginestre fulgenti
di fiori accolti,
su i ginepri folti
di coccole aulenti,
piove su i nostri volti
silvani,
piove su le nostre mani
ignude,
su i nostri vestimenti
leggeri,
su i freschi pensieri
che l’anima schiude
novella,
su la favola bella
che ieri
t’illuse, che oggi m’illude,
o Ermione.

[…]

Piove su le tue ciglia nere
sì che par tu pianga
ma di piacere; non bianca
ma quasi fatta virente,
par da scorza tu esca.
E tutta la vita è in noi fresca
aulente,
il cuor nel petto è come pesca
intatta,
tra le palpebre gli occhi
son come polle tra l’erbe,
i denti negli alveoli
son come mandorle acerbe.
E andiam di fratta in fratta,
or congiunti or disciolti
( e il verde vigor rude
ci allaccia i melleoli
c’intrica i ginocchi)
chi sa dove, chi sa dove!
E piove su i nostri volti
silvani,
piove su le nostre mani
ignude,
su i nostri vestimenti
leggeri,
su i freschi pensieri
che l’anima schiude
novella,
su la favola bella
che ieri
m’illuse, che oggi t’illude,
o Ermione.

3 pensieri su “nessun titolo

  1. Nel senso, è incredibile che il D’Annunzio del Piacere, il D’Annunzio a cavallo – ecc ecc – come ce lo immaginiamo tutti, abbia scritto una cosa del genere. Non sembra lui.

  2. è assolutamente splendida. è vero che non sembra lui, anhce perchè ne “il piacere” ci trovo 10 pagine decenti.

    Sara

Commenta