Chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e intendete bene: non c'è nulla fuori dell'uomo che, entrando in lui, possa contaminarlo; sono invece le cose che escono dall'uomo a contaminarlo». – Marco 7,14

Principalmente Gesù si riferiva ai cibi. Nei versetti successivi estende il ragionamento al male. Un'ulteriore prova, se ce ne fosse stato bisogno, dell'inconsistenza e dell'assurdità del contrattualismo.

Commenta