“Esiste nella cultura e nel costume del nostro paese una tradizione minoritaria di anarchici conservatori, la cui azione è innervata da un forte risentimento morale, che trovano un acre piacere nell’andare contro corrente”.

Commenta