Cosa vuol dire essere moderni?
Ho ripreso in mano Finkielkraut col proposito di finirlo tutto stavolta. Adesso mi sembra progressista, troppo progressista per i miei gusti. Ma essere progressiti non vuol dire già scadere il giorno dopo? Ed essere conservatori non vuol dire consegnarsi all’eterno? Forse, come Barthes, la linea di divisione passa in mezzo al mio cuore.

Commenta